Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player


Home Page 100ACEa100euro
Risparmio Energetico
Antincendio
Sicurezza
Idoneità Alloggiativa
Vademecum
Curriculae
Contatti

UNA PROMOZIONE IMPERDIBILE!

La promozione, che ha avuto grande successo, è scaduta il 31 gennaio 2014. Sono stati distribuiti i buoni che daranno diritto ad ottenere un Attestato di Certificazione Energetica (denominato confidenzialmente ACE) per un appartamento a soli 100 euro ciascuno.
Per garantire l'accesso alla promozione dal più alto numero possibile di utenti è stato distribuito un biglietto a testa, valido per un solo appartamento. La promozione è valida esclusivamente nell'Area Metropolitana Torinese.
Potete comunque continuare a richiedere il nostro intervento per avere il vostro Attestato a prezzi comunque competitivi, per il vostro appartamento o per la vostra attività commerciale, in caso di vendita o di locazione.

PER PRENOTARE IL TUO CODICE UNIVOCO SCRIVI A domenico@gurzi.it OPPURE TELEFONA AL 349.367.2005


APPROFONDIMENTI:

QUANDO ENTRERÀ IN VIGORE L'APE?
Con l'entrata in vigore della Legge dello Stato 03/08/2013 n. 90 pubblicata sulla Gazzetta ufficiale 03/08/2013 n. 181 nel caso di contratti di vendita, di trasferimenti di immobili a titolo gratuito, di contratti di affitto e per la esposizione di annunci relativi alla compravendita gli immobili devono essere dotati di un Attestato di Prestazione Energetica (APE).
Come specificato dalla circolare prot. n. 16416 del 7 agosto 2013 del Ministero delle Attività Produttive, in attesa dell’emanazione dei provvedimenti di recepimento della direttiva 2010/31UE da parte della Regione Piemonte e dell’aggiornamento delle Linee Guida Nazionali e del DPR 59/2009, è possibile utilizzare l’Attestato di Certificazione Energetica in sostituzione dell’Attestato di Prestazione Energetica.


QUANDO È NECESSARIO L'ACE?
In caso di vendita o locazione dell'alloggio dal 1° Ottobre 2009 è obbligatorio presentare l’Attestato di Certificazione Energetica al momento della registrazione dell’atto notarile. Le disposizioni introdotte dal D.L. 63/2013 allargano quest'obbligo anche ai trasferimenti di immobili a titolo gratuito, trasferendo l'obbligatorietà di dotarsi dell'attestato già al momento di pubblicazione dell'annuncio di vendita o di locazione.


CHI SONO I SOGGETTI ABILITATI AL RILASCIO DELL'ATTESTATO?
L’Attestato di Certificazione Energetica può essere redatto esclusivamente da un professionista iscritto all’Albo Regionale dei Certificatori Energetici.
Il Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n.75 definisce e disciplina i requisiti dei soggetti abilitati alla certificazione energetica negli edifici, elencando le classi di laurea che danno accesso alla professione. In particolare il Regolamento prevede che possono svolgere l’attività di certificazione energetica i tecnici abilitati, sia dipendenti di enti pubblici o di società di servizi pubbliche o private che liberi professionisti, in possesso di almeno uno dei seguenti titoli: laurea in architettura, ingegneria, agraria, scienze forestali, diploma di perito industriale, geometra, perito agrario.


E SE NON AVESSI L'ATTESTATO AL MOMENTO DEL CONTRATTO?
Uno studio del Consiglio Nazionale del Notariato fornisce indicazioni interpretative delle disposizioni introdotte dal D.L. 63/2013 in merito all'obbligo di allegare l'APE (Attestato di Prestazione Energetica) ai contratti di trasferimento degli immobili.
La sanzione prevista per la mancata allegazione dell'APE è la nullità assoluta del contratto, con la conseguenza che:

1) la nullità può essere fatta valere da chiunque e può essere rilevata d’ufficio dal giudice;
2) l’azione per far dichiarare la nullità non è soggetta a prescrizione;
3) il contratto nullo non può essere convalidato.

Scarica il documento qui


COME È FATTO UN ACE?
Oltre ai dati e alle caratteristiche generali dell’edificio e degli impianti la certificazione deve indicare:

il fabbisogno convenzionale di energia utile calcolato in conformità con la normativa UNI;

i rendimenti coerenti con il tipo di impianto (di produzione, distribuzione, regolazione ed emissione);

il consumo convenzionale di riferimento tenendo debito conto anche dei consumi di energia elettrica in termini di energia primaria.

Le leggi e norme sulla certificazione energetica richiedono anche al certificatore di includere nel rapporto di certificazione una serie di raccomandazioni che si possono implementare per ridurre il consumo di energia. Così, la certificazione può servire come un punto di partenza per pianificare ed implementare misure per ridurre il consumo energetico dell'edificio.
Un esempio di ACE: clicca QUI.